Dicono di noi


Ave Maria: una nave fluviale

[...] accorgimenti tecnici a fornire al progetto un alto grado di sostenibilità: un sistema di climatizzazione in grado di riutilizzare le proprietà termiche dell’aria esausta e l’impiego esclusivo di illuminazione a LED sono tra gli espedienti che permettono di minimizzare il dispendio energetico, mentre sistemi come quello di depurazione delle acque reflue contengono l’impatto dell’imbarcazione su un ecosistema già di per se pieno di complessità.

Ave Maria è inoltre la prima imbarcazione fluviale in Italia ad essere stata costruita seguendo le normative europee sulla sicurezza e ad essere certificata dall’ente internazionale Bureau Veritas.[...]

http://www.domusweb.it/it/news/ave-maria-una-nave-fluviale/

Ave Maria, andare in bici sul Po

[...]E’ stata varata ufficialmente il 2 maggio 2011, dopo due anni di lavori per trasformare quello che era uno scafo smantellato di una chiatta anni ’70 nata per dragare il Po in una moderna nave passeggeri fluviale. Dove oltre a stare comodi e rilassati con le biciclette appresso si differenziano i rifiuti, si gode di aria condizionata “riciclata” dall’aria esausta, si legge alla luce di led a basso consumo e si utilizza acqua senza inquinare (l’Ave Maria scarica acque “chiare”, ovvero depurate).[...]

http://www.nuovavicenza.it/2012/07/ave-maria-andare-in-bici-sul-po/

 

Tecnologie Trasporti Mare – L’automazione navale

Numero 5 (Settembre-Ottobre 2011)

PDF: http://www.stmarenostrum.com/wp-content/uploads/2012/08/01_AveMaria.pdf



Highslide for Wordpress Plugin